fbpx

Meglio il vinile o il laminato?

No, non voglio parlarvi di musica, ma di pavimenti! Una delle domande più frequenti quando ristrutturo le case dei miei clienti, è proprio questa: “Meglio il laminato o il vinile, cosa mi consigli?” Questa è la mia opinione… Meglio il pavimento in vinile o in laminato? Il pavimento di una casa è uno degli elementi […]
4Shares

No, non voglio parlarvi di musica, ma di pavimenti!

Una delle domande più frequenti quando ristrutturo le case dei miei clienti, è proprio questa: “Meglio il laminato o il vinile, cosa mi consigli?”

Questa è la mia opinione…

Meglio il pavimento in vinile o in laminato?

pavimento in vinile contro pavimento in laminato

Il pavimento di una casa è uno degli elementi più caratterizzanti per un ambiente, soprattutto se la sua posa è uniforme senza cambi di materiale o colore tra una stanza e l’altra!

Se è brutto, ti salta subito all’occhio, viceversa se piacevole, ti addolcisce anche l’arredamento un po’ datato!

Di superfici ce ne sono tante, oggi ci occupiamo dei pavimenti definiti “caldi” (parquet, laminato, vinile…), di quelli “freddi” (marmo, piastrelle…) ci occuperemo a tempo debito…forse!

Anche la gomma e la moquette sono definiti “caldi”, ma la loro diffusione in Italia è piuttosto limitata!

Pvc e linoleum sono prodotti più adatti ad uso commerciale, dove la ricerca della praticità e facilità di pulizia è massima e la necessità estetica minima (ospedali, studi dentistici…)!

La vendita di pavimenti in legno ha subito un tracollo negli ultimi anni!

Il suo utilizzo, vuoi per il maggior costo, vuoi per la maggior manutenzione, è stato relegato a case di pregio o ad “eroici” e nostalgici clienti!

Non ci rimangono che i vinili e i laminati…e finalmente torniamo al titolo! 😃

Il vinile, o il suo acronimo Lvt (Luxury Vinyl Tile) e il laminato, sono all’apparenza due prodotti uguali, ma dalle caratteristiche diverse!

Per trovare il migliore, bisogna capire quale è il migliore per voi! In altre parole…dipende da cosa vi aspettate!

Vediamo le caratteristiche principali di uno e l’altro nel dettaglio:

  • Estetica
  • Isolamento acustico
  • Resistenza all’umidità
  • Resistenza ai graffi
  • Resistenza al calore
  • Posa
  • Costi
  • Conclusioni

Estetica

rovere spazzolato

Il livello estetico di entrambi i prodotti è molto alto, si fa fatica a distinguerli dal vero legno!

L’attenzione e la ricerca delle migliori aziende (stiamo facendo dei confronti con prodotti di livello alto!), hanno raggiunto degli obiettivi mai visti prima!

Il trattamento tecnologico dona alla doga un grado di opacità ineguagliabile, vengono riproposti i nodi e le imperfezioni dei vari legni con una resa estetica notevole!

La scelta tra i due materiali non può essere fatta in base alla finitura estetica!

Isolamento acustico

tacchi su pavimento in legno

Nonostante abbia letto il contrario in vari articoli sul web, il vinile è decisamente meno rumoroso rispetto al laminato! O meglio, la riflessione del suono del primo all’interno della stanza è inferiore al secondo.

La prova è presto fatta, basta prendere qualsiasi oggetto con cui produrre rumore e battere su entrambe le doghe.

Vi accorgerete ben presto  che, a parità di condizione, il rumore che riflette il vinile è decisamente più sordo rispetto al laminato.

Se però parliamo di trasmittanza, vince il laminato.

Mi spiego più facilmente…Se volete mantenere delle buone relazioni sociali con il vicino sotto il vostro appartamento, meglio il laminato che trasmette molto meno il rumore da calpestio, se vivete in una casa singola (o siete contrari ai rapporti di vicinato), potete inserire il vinile, è meno rumoroso all’interno della stanza!

Resistenza all’umidità

pavimento idrorepellente

Qui il vinile sembra vinca facilmente, è completamente idrorepellente (anche se non tutti i prodotti in commercio hanno gli incastri tra le doghe completamente sigillati!)

Da sempre indicato per la posa non solo in ambienti umidi, ma anche all’interno del box doccia!

Negli ultimi anni però sono nati dei laminati con incastro brevettato, idrorepellenti al 100%!

L’unica attenzione da fare per inserire il laminato in cucina e in bagno è scegliere il prodotto giusto e ovviamente seguire con attenzione le istruzioni di posa (se optate per il “fai da te”).

Resistenza ai graffi

artigli tigre

Anche qui non abbiamo un vincitore unico!

Dipende dal tipo di graffio a cui è sottoposto il materiale

Il vinile, essendo più “gommoso” resiste meglio al classico sassolino sotto la scarpa, mentre il laminato può graffiarsi.

In caso di caduta di un oggetto appuntito, il vinile si può bucare, mentre il laminato rischia di rimanere intatto!

Se cade il ferro da stiro, è possibile che entrambi subiscano un trauma! 😁

La cosa buona è che in caso di danno, entrambi possono essere riparati abbastanza facilmente con un apposito kit (al contrario del pavimento in ceramica)!

Resistenza al calore

donna distesa sotto il sole

Il vinile è un materiale termo resiliente, significa che è più sensibile agli sbalzi di calore rispetto al laminato!

Bisogna porre più attenzione se la sua posa avviene in case in cui gli sbalzi termici sono importanti (come ad esempio la seconda casa in montagna), o dove ci sono zone con forte irraggiamento (tipo una veranda).

Il pavimento potrebbe sollevarsi….Se flottante!

Se decidiamo per l’incollaggio a terra, abbiamo risolto anche questo problema!

Posaistruzioni di posa

Arriviamo ad una parte non trascurabile del percorso, la posa del materiale.

Sia il laminato sia il vinile hanno delle regole a cui attenersi per evitare di avere problemi non coperti da garanzia.

Entrambi i prodotti vanno acclimatati, cioè lasciati in loco per almeno 48 ore, non vanno posati a temperature troppo rigide e devono seguire un verso di posa.

Il laminato può essere solo flottante, cioè in appoggio su una solida superficie esistente. Il fondo non ha bisogno di particolari cure.

Il vinile può essere flottante, o incollato. In entrambi i casi, il fondo ha bisogno di una maggiore preparazione (stuccatura delle fughe troppo grandi e livellante) con costi maggiori.

Adesso esiste una nuova tipologia di vinile rigido, più spesso, che non necessità della preparazione del fondo e può essere posizionato anche su superfici irregolari (nei limiti della normalità!)

Il laminato deve essere posato solo con relativa barriera vapore sotto, mentre il vinile anche senza (l’eventuale tappetino serve ad abbattere il rumore).

Anche il taglio dei due materiali è diverso, una semplice taglierina (cutter per gli anglofoni) per il vinile, una sega per il laminato!

E infine i giunti di dilatazione (le vie di fuga tra una stanza e l’altra)….Sono sempre consigliati per il laminato, meno per il vinile.

Costi

soldi sul pavimento in laminato

Una parte importante da considerare sono i costi dei due materiali.

Il confronto deve sempre avvenire tra pari grado, non posso paragonare il vinile da grande distribuzione con il laminato da negozio specializzato, ovviamente!

A pari qualità, vince il laminato…Anche se ha sempre bisogno del suo tappetino, mentre il vinile no!

E questo accorcia le distanze…Però è sempre “un togliere” qualcosa per avere un prezzo simile…È come barare un po’!

Conclusioni

uomo che pensa

Abbiamo visto le caratteristiche del laminato e del vinile (alcune, perché sicuramente avrò dimenticato qualcosa!) e abbiamo capito che non c’è un prodotto vincente in senso assoluto!

Ognuno ha dei pregi per essere scelto e dei difetti per cui fuggire!

La scelta dipende da un’attenta valutazione delle caratteristiche e del luogo in cui va posato.

I parametri sono diversi e solo un professionista sarà in grado di consigliarvi per il meglio, ma potete procedere anche in modo autonomo…Dovete solo perderci più tempo!

 

 

Ti è piaciuto? Condividilo!

Shares
4Shares